martedì 10 maggio 2011

MACHETE ovvero Per perdonare c'è Dio, per vendicare c'è Machete!



Un film di serie B, ma d’autore. L’esagerazione grottesca delle pellicole anni ’70 mescolata con la coscienza di utilizzare il linguaggio di un sottogenere cinematografica. L’ossimoro su pellicola ideato da Quentin Tarantino vede in Robert Rodriguez, regista di film come “Sin City” e “Dal tramonto all’alba”, uno dei suoi massimi esponenti. Machete è un ex-polizziotto messicano dal volto segnato di cicatrici che viene ingaggiato sotto ricatto per sparare al senatore texano McLaughlin  (uno spassoso Robert De Niro) razzista verso i messicani, che considera “insetti da estirpare dal paese dei nostri padri”.
Mentre il senatore si diverte in battute di caccia al messicano i suoi sottoposti ordiscono un piano per far approvare il progetto di un muro elettrificato che separi il Texas dal Messico anche a costo della sua vita.

Il film è un susseguirsi di scene assurde e paradossali, di dialoghi che sono la parodia del peggior cinema americano d’azione. Memorabile la scena in cui Machete fugge dalla finestra dell’ospedale calandosi giù usando come corda l’intestino del nemico appena machetato. Indimenticabili gli spot elettorali con De Niro che esalta lo spirito patriottico con il fucile in spalla che pare la parodia di Bossi o di Borghezio.
In “Machete” i messicani diventano tutti venditori di tacos e giardinieri pronti però a fare una rivoluzione quando la loro paladina “She” una versione femminile del “Che” e il mito Machete sono in difficoltà. Splendido anche il prete assassino con televisore a forma di crocefisso che ammazza la gente a suon di "per perdonare c'è già Dio".
Già pronti due sequel: “Machete uccide” e “Machete uccide ancora” e la pioggia di machetate è assicurata.


UMORISMO INVOLONTARIO (in questo caso volontario)

RANCORE SUSCITATO
EFFETTI SPECIALI BECERI

2 commenti:

  1. Ciao, sono Giuseppe, autore del blog cervelliamo http://cervelliamo.blogspot.com
    Effettuando ricerche in rete ho notato il tuo blog e volevo chiederti se vuoi collaborare scrivendo articoli anche su cervelliamo.
    Ci sono tante categorie su cui orientarsi e si può scrivere su uno o più argomenti.
    Facciamo una media di 3000 pagine viste al giorno e, man, mano, andiamo a crescere.
    Potrai utilizzare Cervelliamo come secondo blog, divulgare informazione con l'opportunità di guadagnarci su con il sistema adsense di google, facile, meritocratico e sicuro.
    Siamo presenti nei maggiori network della rete, siamo su google news, la fan page su facebook con più di 1550 persone, quello quello che scrivi, sarà letto sicuramente da qualcuno.
    Se ti piace l'iniziativa, conoscere il team, migliorare insieme, non esitare a contattarmi, sia per email o direttamente su facebook al mio indirizzo personale.
    http://www.facebook.com/cervelliam0
    Ti aspetto!

    RispondiElimina
  2. Ehm, potresti correggere quel "ex-polizziotto" in sesta riga? Non si può vedere ;)

    RispondiElimina